Dalla Cgil Area Vasta e dalla Slc Calabria solidarietà al giornalista Agostino Pantano

Sit-in di protesta in concomitanza dell’arrivo del Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio a Cosenza
28 Luglio 2019
26 SETTEMBRE. Attivo Nazionale unitario dei quadri e dei delegati delle RSU dei Call Center in outsourcing
29 Luglio 2019

«Amarezza, delusione e sconcerto. È questo il nostro stato d’animo in seguito alla notizia dell’ennesimo atto intimidatorio, questa volta a Vibo Valentia, ai danni un cronista calabrese». La Cgil Area Vasta e la Slc Cgil Calabria esprimono vicinanza e solidarietà nei confronti del giornalista delle testate LaC News24 e Il ViboneseAgostino Pantano, «al quale – scrivono le organizzazioni sindacali – è stato impedito di svolgere il proprio lavoro facendolo desistere dal filmare un autoveicolo bruciato durante la notte in un rogo di matrice chiaramente dolosa». Le parole di stima e vicinanza arrivano nel dettaglio da Raffaele Mammoliti, segretario generale Cgil Area Vasta e Saverio Ranieri, segretario regionale Slc Cgil Calabria. «Quello che ci preoccupa – affermano i segretari – e che deve allarmare istituzioni e opinione pubblica, è che ci troviamo di fronte solamente all’ultimo di una lunga serie di atti intimidatori subiti in questi anni da valenti giornalisti che hanno, evidentemente, la “grave colpa” di voler denunciare quanto di marcio accade. Ancora una volta, a essere colpito in Calabria è il mondo del giornalismo serio e coraggioso che non si piega di fronte al muro di omertà di chi, evidentemente, ha interesse a nascondere quello che succede, che non accetta le inchieste libere e i reportage di chi con coraggio affronta quotidianamente vere e proprie battaglie di legalità. La verità è che ad essere ferito non è solo il singolo giornalista, ma tutti coloro che desiderano una Calabria diversa: la politica, le istituzioni e la cittadinanza devono fare fronte comune e ribellarsi a questo sistema omertoso che tiene sotto scacco la nostra martoriata regione. Ad Agostino, e a tutti i giornalisti – concludono Mammoliti e Ranieri – che quotidianamente provano a raccontare verità scomode, il nostro sindacato rivolge l’invito a non mollare e a continuare con passione e coraggio il loro lavoro di denuncia e informazione perché solo così potremo arrivare ad una rivolta pacifica e democratica che porti la nostra amata regione a distruggere il muro del silenzio e a dare una prospettiva di serenità alle generazioni presenti e a quelle a venire.