Clausola sociale ConTe Assicurazioni – accordo per la salvaguardia occupazionale dei 130 lavoratori di Abramo CC operanti sulla commessa.Dal 1° agosto assunti da Transcom ad uguali condizioni economiche e normative.

Reinternalizzazione servizi Call Center INPS. SCIOPERO e MANIFESTAZIONE a sostegno della rivendicazione del sindacato confederale.
10 Luglio 2021
Comunicato sindacale Sittel
16 Luglio 2021

Nell’ambito della gestione della clausola sociale relativa alla commessa ConTe Assicurazioni, si é raggiunto oggi l’accordo tra le segreterie nazionali e territoriali delle federazioni sindacali del comparto telecomunicazioni, le Rsu, l’azienda subentrante Transcom e l’azienda uscente Abramo CC, che regolamenta le condizioni di passaggio dei lavoratori coinvolti nel cambio di appalto.

Le lavoratrici ed i lavoratori impattati dal cambio di appalto manterranno profili orari, livelli, scatti di anzianità, art.18, anzianità convenzionale, iniziando la loro attività, senza soluzione di continuità, a partire dal 1° agosto, presso la nuova sede che Transcom aprirà nel comprensorio.

Le lavoratrici ed i lavoratori coinvolti nel cambio di appalto, nei prossimi giorni, saranno chiamati a risolvere consensualmente il rapporto di lavoro con l’azienda uscente Abramo CC e sottoscrivere i contratti ex novo con Transcom alle condizioni contrattuali sottoscritte dall’accordo.

Su richiesta delle organizzazioni sindacali Transcom si è resa disponibile a valutare estraclausola il personale di staff per eventuali posizioni che si potrebbero aprire, impegnandosi inoltre ad assumere, tenuto conto dei volumi attuali di traffico, i contratti a termine ed i cococo che hanno operato e maturato esperienza sulla commessa.

La clausola sociale si conferma uno strumento contrattuale sempre più consolidato che ha garantito negli ultimi 2 anni il passaggio d’azienda per oltre 11mila addetti ad invarianza economica e normativa. Le buone pratiche di contrattazione inclusiva, messe in campo dal sindacato confederale, hanno inoltre permesso di andare ben oltre i dettami della legge e del contratto, garantendo continuità occupazionale anche a contratti a termine e a personale di staff non collegato alle attività interessate al cambio di appalto, soprattutto nei casi di crisi conclamata delle aziende uscenti.

Le Segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, Ugl Telecomunicazioni esprimono soddisfazione per l’ennesimo accordo sottoscritto a tutela dell’occupazione, del reddito e dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori del settore dei contact center.