Rete Unica. Fabrizio Solari, Segretario Generale Slc Cgil: “impensabile affidarsi ancora alla concorrenza fra una pluralità di soggetti. Il governo favorisca la crescita di un campione nazionale

Cgil, Slc Cgil Basilicata: “Solidarietà ai lavoratori lucani dello spettacolo. La giunta regionale agisca immediatamente convocando un tavolo con gli operatori del settore”
4 Maggio 2021
Appalti lavori di pulizia in Poste Italiane. Filcams ed Slc della Calabria chiedono trasparenza.Le categorie della Cgil in assenza di risposte, denunceranno alle autorità competenti.
8 Maggio 2021

Il ministro dell’Innovazione Tecnologica, Vittorio Colao, ha affermato, in occasione del webinar Il Piano – L’economia della prossima generazione trasmesso oggi dalle testate del gruppo Caltagirone Editore, che “la concorrenza tra una pluralità di soggetti” porterà la banda larga a tutta la cittadinanza.

I risultati di 20 anni di libero mercato è quello ben descritto dal presidente Draghi nella premessa al Pnrr: stando ai dati ivi riportati, al passato ventennio liberista si deve l’attuale 25° posto in Europa che l’Italia occupa in quanto a tasso di digitalizzazione.

Il fatto che un ministro oggi pensi che i soldi pubblici del Pnrr possano essere ancora affidati a soggetti privati in regime di reciproca concorrenza per rimediare a questa situazione ha dell’inverosimile.

Il mercato va regolato anche attraverso le scelte di politica industriale del governo, come d’altronde avviene nel resto d’Europa. Il nostro Paese non può essere solo una piazza accogliente per gli affari delle multinazionali.

Per realizzare il Pnrr serve che in Italia, nelle Tlc come in molti altri settori, si favorisca la crescita di campioni nazionali che possano fare alleanze sovranazionali e competere nei mercati globali.