Ritardato pagamento Tfr ex dipendenti Poste Italiane. La Slc nazionale chiede intervento della Cgil confederale

RINNOVATO IL CCNL SIAE
10 Novembre 2019
Il 18 novembre si terranno le elezioni per il rinnovo delle RSU/RLS in Almaviva Contact Rende. Fai vincere il lavoro, fai vincere i diritti, “Facciamo Quadrato”. Vota Slc CGIL!
11 Novembre 2019

Preg.mo Segretario Roberto Ghiselli,

ti scrivo in merito ad una incresciosa vicenda che sta interessando i dipendenti, e spesso già ex dipendenti, di Poste Italiane, chiedendo un tuo intervento in merito. Sembrerebbe infatti che il Fondo Buonuscita Poste Italiane, deputato a liquidare quella parte di Trattamento di Fine Rapporto dei dipendenti relativo al periodo in cui l’azienda Poste Italiane era ancora un ente pubblico (lo è stata fino al 1997) e che si configura come Buonuscita, venga nei fatti sottoposta alla stessa disciplina della pubblica amministrazione o degli enti pubblici di ricerca (ex art.1 comma 2 Dlgs 165 del 2001) nel conferimento delle somme spettanti; ciò significa che in base agli artt.23 e 24 del Decreto Legge n. 4 del 2019, le stesse non verranno erogate nei termini iniziali dei 24/27 mesi dalla cessazione del rapporto di lavoro, ma la loro liquidazione rischia di coincidere con la presunta data di pensionamento (vecchiaia o pensione anticipata) in virtù del combinato disposto della normativa sopra indicata. Ti chiedo di verificare questa situazione che ha del paradossale e di intervenire in merito. Sicuro di un tuo tempestivo riscontro, ti invio i miei più sinceri saluti

Nicola Di Ceglie